Tutti gli articoli di pietro

Geologo, Ingegnere ambientale, ho introdotto per primo in italia il concetto di retrofit elettrico dei veicoli esistenti. Parlo troppo, troppo veloce di troppe cose. Non-mi-si-regge. Il mondo è complicato, connesso, fuso, pieno di sentieri e strade che si incontrano, si intrecciano. Mi piace esplorare quelle piu' strambe.

Navi metanifere ed altri disastri

Guardate cosa succede quando esplode un camion che trasporta gas. Sono una quindicina di tonnellate di gas. Ora immaginatevi una quantità da 1000 a 10.000 volte superiore. Certo: molti di questi incidenti sono causati dal gpl e non dal metano. Ma sapete, vero che il metano viene trasportato in forma liquefatta a -180 gradi e pressioni elevatissime? Le simulazioni in casi di falla in un serbatoio di una nave dicono che il metano potrebbe percorrere CHILOMETRI prima di scaldarsi a sufficienza per evaporare; una scintilla e…..bum.

Arriva la bolla del petrolio?

Si Crisis riparte e non volete una bella Cassandrata di quelle pese pese?!! Beh, premesso che  basta guardarsi intorno per cominciare a scuotere la testa, percuotersi il petto e stracciarsi le vesti, vi servo subito con una cosuccia calda calda. Avete sentito parlare del fracking, vero? Si? No? Si però ero distratto? SICCOME siete su Crisis, mica bau bau micio micio, scommetto di si.  Saprete allora che fa un sacco di disastri, che la produzione di ogni singolo pozzo crolla in pochissimo tempo e dopo un paio di anni scende sotto il livello di economicità, costringendo a scavare nuovi pozzi a ritmo forsennato. Quel che forse non sapete è il livello INCREDIBILE degli investimenti necessari. Qualcosa rispetto ai quali la bolla dei subprime, il fiammifero nella polveriera che innescò la deflagrazione della bolla e lo scoppio della Crisis, è un nulla, un microbo, visto da lontano. A Novembre 2008, ovvero quando la bolla era pienamente scoppiata, si stimò che nel complesso valesse, con tutte le varie complesse interazioni circa 750 miliardi di dollari.  Le industrie del settore petrolifero investono , stanno investendo, oltre 900 miliardi di dollari all’anno. Negli USA gli investimenti nel settore petrolifero in effetti hanno superato il settore immobiliare, intorno ai 200 miliardi di dollari all’anno. Secondi solo all’altrettanto florida industria degli armamenti ferma, si fa per dire, a 640 miliardi negli USA. Una limitazione , ovviamente mortalmente necessaria, alle emissioni di CO2, al fine di contenere sotto i 2 gradi l’aumento di temperatura media mondiale ( comunque una mezza catastrofe) metterebbe a rischio  oltre 19 mila miliardi di dollari. Per essere esatti la IEA sostiene che, se volessimo limitare sotto il livello di 450 ppm la concentrazione di CO2, i due terzi delle riserve dichiarate ( E MESSE A BILANCIO) dalle grandi compagnie petrolifere diventano fittizie.  19 triliardi di dolari sono una cifra da Zio Paperone. Una cifra superiore al PIL USA. Ed ancora: Si stanno investendo oltre 1100 miliardi di dollari in progetti che richiedono un prezzo del barile superiore ai 95 dollari per essere redditizi. Non si tratta di cose astratte, capite bene. Questi ENORMI investimenti sono soggetti ad un sacco di rischi e di potenziali crack; naturali, ambientali, logistici, fisci, sistemici. in pratica sono più a rischio dei mutui subprime. Non solo: in caso di collasso analogo alla bolla dei subprime collasseranno gli investimenti proprio nel settore che mantiene il sistema in moto. una cosa è un crampo in una gamba. un’altra è un infarto…I dati sono presi da questo interessantissimo articolo.

La lavandaia di Via dell’Oche

10-donna-lava_1

Per quelli che non comprendessero che razza di categoria è la Lavandaia di Via Dell’Oche agevolo un rapido ripasso.

Una lavandaia che si rispetti, quindi, indossati cuffietta e grembiulino, si mette a fare i conti, possibilmente semplici, meglio ancora se elementari, in modo da sbugiardare il propinatore a favor di media di numeri casuali di turno. Il nostro Premier ha annunciato, recentissimamente, che non ci sarà alcuna manovra aggiuntiva in autunno. Da molte parti si parla di un buco di 20 miliardi, da chiudere in qualche modo.

Si tratta dell’1.5% del PIL, 700 euro a famiglia, una cifra importante.

Intanto i numeri: il governo sostiene che la crescita del paese nel 2014 passerà dallo 0.8 previsto allo 0.2%. Su questi numeri stanno tutti se non peggio. Il problema è che questi numeri sono peggiorati di trimestre in trimestre e non mostrano segni di ripresa. A Dicembre il Governo prevedeva l’1.1.% di crescita nel 2014 e su quello aveva costruito la legge di stabilità. A Gennaio già molti avevano stimato una crescita dimezzata tra lo 0.5 e lo 0.6%. A Giugno Molti, ad esempio confindustria, prevedono appunto una crescita dello 0.2% All’appello quindi, solo per questo, mancherebbero circa 15 miliardi. Ma il punto è che siamo solo a metà anno è la situazione è già notevolmente degradata. In buona sostanza, trimestre 2012 su trimestre 2013 il confronto continua ad essere negativo. SE va bene, cosi come siamo L’Italia è già fuori dal percorso scelto dall’Europa a forza di Two Packs, Six Packs e contropaccotti vari. Quanto manca? beh, intanto un mezzo punto percentuale dovuto alla mancata crescita. sette miliardi. E poi circa altrettanto per raggiungere gli obbiettivi teorici imposti dall’Europa.

Ma la lavandaia si è già annoiata e sta sul semplice: Per stare alle notizie recenti, riferite a maggio, abbiamo un aumento del debito di 20 miliardi, a fronte di un aumento delle entrate di circa 800 milioni (rispetto al 2013).  Saranno pure numeri particolari, le cose cambieranno nei prossimi mesi etc etc. Ma capite bene che un aumento di un punto e mezzo percentuale in un mese del debito pubblico è una cosa enorme. Un caso isolato? Sostanzialmente no. Da inizio anno il debito pubblico è aumentato di  96 MILIARDI DI EURO. Quasi il 6 % del Pil.

Per la lavandaia è molto semplice: Siamo già fuori del 3% dai parametri di stabilità. Lei è una lavandaia, gli scappano le finezze contabili. Osserva solo come è SOMMAMENTE poco probabile che il bilancio dello Stato passi, all’improvviso, in attivo nei sei mesi del 2014 che restano. i 96 miliardi diventeranno qualcosa di più, forse MOLTO di più a fine anno. Alla lavandaia risulta che il limite del deficit al 3% di PIL significa, nel concreto, a PIL stazionario ( per ora gli analisti quello dicono) che si potrebbe arrivare a un deficit di circa 50 miliardi di euro, 2014 su 2013. Siamo già fuori di 40 miliardi. Oh, si, certo le cose sono MOLTO più complicate di così. Ma stiamo sul pratico: una manovra a Settembre è certa, giustappunto, come le tasse.

F 35 e nuvole…

A che servono gli F 35?

Sono Cacciabombardieri, serviranno a cacciabombardare…no? In qualche modo la nostra esimia Ministra della difesa avrebbe dovuto articolare una risposta del genere. Con tutta evidenza, non essendosi mai posta la domanda e parendogli evidentemente brutto rispondere nel modo più franco, la ministra, piombata al suolo dai tersi cieli solcati dai potenti aerei di quinta generazione ( ma a quanto pare di mamma un poco ignota) ha risposto con una supercazzola di inenarrabile spessore. Ve la potete rivedere qui. a partire dal minuto 3.25.

All’ascolto di questa ed altre perle, sparse qua e la nella memorabile intervista, ho pensato che valesse la pena di inaugurare una apposita categoria, stika…, dedicata a memorabili affermazioni di questo o quel bel tomo su cose più o meno epocali.

PrisincoliRENZInanciusol ol rait….

E’ diventata all’istante virale la performance in inglese a braccio del nostro Presidente del Consiglio in occasione di un incontro sul futuro del digitale, tenutosi a Venezia.

Asciugateci le lacrime  ( dal ridere) possiamo dirci rinfrancati: Siamo in buone, giovini, moderne, capaci, interscional, mani.

in effetti la figura fatta dal nostro premier ha varcato le alpi e il Rubicone.

Ad esempio ecco quel che scrive il Daily telegraph.

E’ proprio vero: il Berlu ha trovato un degno erede, almeno per quanto riguarda la capacità di far ridere tutta Europa.

Meravigliosa la fine: l’e’ tempo di pappa….

Ecco appunto.

Preferivo Adriano, l’originale.

melting bog e melting pot

Ad Oslo ci sono 28 gradi e spiccioli, un record assoluto. Ed a Roma ce ne sono 25. Anche questo un record assoluto, negativo, per la stagione.

E’ tutto normale: si mescolano i popoli del mondo e si mescolano  i climi, causa collasso delle correnti a getto polari. Melting pot e melting bog. Bog sta per pantano. Eh già perché il caldo fa sciogliere il permafrost, trasformando in un pantano micidiale milioni di km quadrati di Siberia. Non solo, quando si scalda il permafrost surgelato da decine di migliaia di anni possono succedere cose strane. Ad esempio si possono dissociare i clatrati nascosti dentro o sotto il permafrost stesso e può succedere in modo esplosivo. Nella foto che apre questo post avete un  bell’esempio di cosa può succedere in questi casi. Qui per informazioni maggiori.

Avete visto? Bene: ora preparatevi a moltiplicarlo per cento, mille, un milione… Quel che potrebbe succedere se aree di permafrost siberiano crescenti fossero coinvolte dalla deglaciazione. Comunque non c’e’ problema: se si scioglie l’artico potremo portare le tv full 4k dalla Malesia all’Europa attraverso il passaggio di Nord Est, che anche quest’anno si sta riaprendo.

C’e’ nessuno in Europa?!! Ora c’e’!!!

Durante la campagna elettorale appena passata Dario fu preso simpaticamente in giro per un suo tweet dal mitico Zoro. Ora possiamo dire che in effetti, dopotutto QUALCUNO c’e’, in Europa.

Qualcuno che ricorda la posta in gioco complessiva, che è strategica, sistemica. Ve la dico più chiara? NON AVREMMO BISOGNO DI CACCIABOMBARDIERI, di cui peraltro il nostro MInistro della difesa non sa nemmeno spiegare l’utilità ( date una occhiata al video, vale la pena arrivare alla supercazzola del minuto 3.24), se non dipendessimo energeticamente dai nostri potenti e scomodi vicini e/o alleati.

Si è calcolato che i contributi per le energie rinnovabili assommino allo 0.5%-0,7% del PIL Italico. La metà di quanto spendiamo in armamenti. Ed un quinto dei contributi erogati, nelle più varie forme e dei costi diretti ed indiretti delle energie NON rinnovabili. E’ una stima MONDIALE. IN Italia siamo quasi sicuramente a livelli superiori. QUINDI, al contrario di quel che si dice, una corretta politica di crescita delle energie rinnovabili, del risparmio energetico, delle tecnologie di stoccaggio, dell’interscambio tra le nazioni d’Europa è una politica che rende più SICURI i budget dei singoli paesi e li mette al riparo dalle crisi internazionali.

Avete qualche dubbio che se ne avvicinino di grosse?

Allacciate le cinture Crisis è qui per raccontarvele. Se possibile in anticipo, come è nostra tradizione…

Isil, infibulazioni ed altre ipocrisie

fgm

Ieri è passata dalle principali agenzie di stampa, ovviamente ignorata dai media italiani (tutti presi dai begli occhioni della ns ministra per le riforme costituzionali) la notizia che il califfato islamico del levante, in breve, l’ISIL, ha imposto l’infibulazione per tutte le donne dei suoi territori.

La cosa ha suscitato un più che legittimo sdegno, orrore, e riprovazione internazionale.

Sul fatto che la pratica faccia sommamente schifo e sia un retaggio indegno di qualunque cultura, religione, società, sotto qualunque sole, latitudine e situazione, siamo ( spero) tutti d’accordo. Ma questo stupore e sdegno è ridicolo, prima che ipocrita. Perché l’infibulazione è ancora attivamente praticata in MOLTISSIMI paesi, islamici e non con cui teniamo rapporti rilassati quando non ottimi. I governi di questi paesi, che non fanno alcunché per scoraggiare la pratica non sono certo accusati per questo di essere barbarici, fanatici, efferati estremisti, islamici o meno. E non parliamo di paesi secondari, di zone tribali africane o altro.

Parliamo di paesi come l’Egitto ( 91% della popolazione femminile, la percentuale più alta dell’intero continente africano), la Somalia, la Mauretania, il Mali… Ma c’e’ di più: la pratica è diffusa anche in Malesia in Indonesia, Iraq, nella zona del Kurdistan, Ma anche negli emirati Arabi, in Siria, nell’Oman, in Arabia Saudita….La pratica, basta approfondire un attimo la cosa, NON è definitivamente associata ad una specifica religione, anche se le zone in cui è più diffusa sono sopratutto di religione mussulmana, ma piuttosto ha fondamenti culturali, dato che sono infibulate anche moltissime donne NON mussulmane. Gli Hadith su cui si sono basati quelli dell’ISIL per giustificare la decisione non sono considerati vincolanti ed anzi sono stati messi in discussione da molti religiosi, smentite da Fatwe, confermati da altre, lasciati alla libertà dei singoli da altre ancora…. A me comunque NON interessa la questione religiosa, Se il profeta abbia o no teorizzato la pratica, se qualche altra religione in qualche parte del mondo la imponga o consigli. A me interessa invece e molto, la strumentalizzazione sistematica in salsa antimussulmana delle porcherie deliberate da quelli dell’ISIL.  E solo da loro.  Mi pare clamorosa l’ipocrisia che ci fa dimenticare la condanna/deprecazione mediatica del paese nel quale oltre il 90 % delle donne è infibulato o le recenti prese di posizione a FAVORE dell’infibulazione in Indonesia e Malesia. insomma: quella dell’estremizzazione religiosa è una candela che viene sempre più accesa da due parti: Islam contro crociati e corruzione dei costumi da un lato e civiltà contro barbarie, pazzie sanguinarie e difesa degli interessi strategici ( rectius:petroliferi) dall’altro. Che la cosa sia un pretesto per mostrificare un avversario strategico e preparare l’opinione pubblica è evidente. Che, analogamente e per converso, la faccenda sia sopratutto uno strumento tra i tanti di aggregazione settaria, è altrettanto evidente. Che, infine le donne comunque vadano saranno vittime degli eventi che seguiranno, è una certezza.

Crisi? Quale Crisi?

Fine Crisi Mai, collage di giornali
Fine Crisi mai

Abbiamo aperto Crisis il 22 Gennaio 2008 . La notizia di quel giorno fu in effetti una Crisi, una delle tante, di governo, causata da Mastella che si era molto offeso per non essere stato adeguatamente difeso dal Governo nell’ennesimo scandalo che l’aveva coinvolto (peraltro è stato recentemente assolto, bisogna dirlo). Pochi mesi dopo, ve lo ricorderete, piombammo piedi in avanti nella mamma di tutte le Crisi, che per anni descrivemmo, nelle sue varie fasi, anticipando normalmente di mesi o anni quanto poi puntualmente verificatosi. E nel frattempo? Beh, nel frattempo GLI ALTRI MEDIA, si sono tanto sforzati, specialmente a chiusura dell’anno, di essere ottimisti. Come? Con una specie di “Cargo Cult” dell’anno che verrà e non mancherà di essere migliore di quello passato. Se vi chiedete quando finirà la Crisi, Dovrete aspettare almeno Settembre.  Prima no, perché danneggerebbe le SANTE FERIE e di conseguenza il PIL. Scopriremo che è ancora viva vegeta e pimpante. Ma insieme vi diranno quando potrete permettervi di tirare un sospiro di sollievo. Avete dubbi? La Crisi finirà l’anno prossimo!! O almeno: uno degli anni prossimi venturi…