Rane bollite e Scimmie nude

La Scimmia nuda, per chi non lo sapesse, è il titolo di un celeberrimo, storico ed anche assai spassoso libro di Desmond Morris,  Il libro descriveva , confrontandole con le specie consimili, le curiose caratteristiche della bislacca scimmia glabra chiamata Uomo.

La rana bollita, invece è una divertente e calzante metafora del perché non reagiamo a situazioni potenzialmente letali quando ci vengano “somministrate” in dosi graduali e non improvvise. Si dice infatti che una rana buttata nell’acqua bollente, salterà fuori all’istante, mentre, se si aumenta la temperatura a poco a poco, la rana entrerà in una sorta di torpore mortale e finirà bollita senza tentare di salvarsi. La metafora è antica e si basa, addirittura su esperimenti fatti nell’ottocento. ma è stata resa celebre da Al Gore nel suo film “Una verità sconveniente”.

Sono due aspetti della stessa medaglia. In effetti  fior fiori di economisti si sono incaricati di descrivere ( qualcuno rimediando per questo un Nobel) che la nostra specie “sconta il futuro”, ovvero non valuta in modo corretto rischi ed opportunità che siano al di la del suo orizzonte degli eventi. E’ normale. I nostri antenati cacciatori raccoglitori avevano orizzonti di pianificazione che non dovevano andare al di la della stagione successiva e dovevano compiere, anche per quanto riguarda il lavoro fisico, estrapolazioni a breve termine, per le quali un approccio lineare risulta vincente. Perché è il più semplice e QUINDI il più efficace. Disgraziatamente, sul lungo termine la non linearità vince e la pianificazione richiesta non è istintiva ma deve, ripeto DEVE essere mediata da un processo cognitivo/educativo.

La faccenda essendo lunga, conviene cominciare con LARGO anticipo, prima di finire bolliti. Eh già perché ci stiamo abituando ad un clima fuori controllo e, pian piano accetteremo che la situazione ci sfugga completamente di mano, forse molto prima e molto peggio di quanto pensi il già pur notevolmente preoccupato ( e molto criticato per la sua preoccupazione) IPCC.

Mi cheto: per comprendere in QUANTI, diversi e brutti modi potremo finir bolliti, ecco un link interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *