Dazi? What dazi?

E’ finito il G7. L’atmosfera è riassumibile in questa foto: Trump contro tutti, guidati dalla Merkel. Il linguaggio dei corpi dice tutto quel che c’è da dire sulle rispettive posizioni.

In sintesi, Donald Trump ha maramaldeggiato, arrivando in ritardo clamoroso (tanto che il vertice è cominciato con la sua poltrona vuota) ed andandosene via in anticipo, con la scusa dell’incontro con Kim, che però si terrà tra due giorni. Da noi è passata solo metà della storia: Trump vuole mettere dazi sulle importazioni europee di acciaio, auto etc etc. È un cowboy matto e pericoloso che metterà in pericolo la crescita, l’armonia atlantica etc etc etc. Può essere e non sarò certo io a difenderlo.

Il problema è che manca l’altra metà della storia, ad essere ottimisti. Infatti questo è uno scenario possibile…

SE.

Se gli europei non abbasseranno i loro e/o se non accetteranno la proposta alternativa, di ELIMINARLI TOTALMENTE, creando un’area di libero scambio.

Qui il link.

Pare che l’affollarsi di Leaders, vagamente “ impanicati” sia immediatamente successivo alla lettura della proposta di Trump, in questa foto, da un’altra angolatura,  si vede anche il nostro nuovissimo PDC Conte, assorto nella lettura.

Il punto è che i dazi americani, ad esempio, sulle auto, sono al 2.5%. Quelli europei oscillano dal 22% (per i pickup) al10%.

Come la vedo? personalmente sono del parere che i dazi sono un’arma necessaria, in un mondo globalizzato, sempre alla ricerca dei minimi costi di produzione. Perché la rincorsa alla produzione in paesi con costi bassi porta devastazioni sia al pianeta che agli umani. Ma qui interessa quel che vedete capite o pensate di capire, basandovi sulla tv e giornali.

Niente o quasi. Alla meglio, il 50% della storia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.