L’aereo abbattuto in Ucraina: Cover up USA?

MH-17-FLight-Path

Cominciamo da quello che appare certo: il volo MH17 fu deviato dal controllo del traffico aereo UCRAINO di circa 200 miglia A NORD rispetto alla rotta tipica che stava seguendo, che l’avrebbe portato sopra il Mare di Azov. Una rotta frequentatissima e sicura, per essere spostato direttamente sopra una area di guerra ben nota per la sua pericolosità ( e per gli aerei già abbattuti). Una voce immediatamente circolata e diffusa, pare, da alcuni media inglesi e da un esperto olandese, era che l’aereo fosse stato deviato per evitare alcuni cumuli nembi e sistemi temporaleschi. II piccolo problema è che questa voce è stata immediatamente smentita dalla Malaysian Airlines, mentre contemporaneamente (uh che strano) venivano confiscate e secretate le registrazioni delle comunicazioni tra terra ed i piloti del volo.

Capite bene che ad un rosicone attaccaticchio, anche non professorone, queste cose già fanno suonare più di un campanello di allarme. Ma non basta: alcune immagini ufficiali che mettevano a confronto le rotte “normali” e quella dell’ MH17 sono state successivamente modificate spostando VERSO NORD le rotte “normali” in modo da ridurre al differenza tra queste e la rotta dell’MH17. Qui una ricostruzione della rotta sulla base dei dati disponibili prima dell'”arruffamento”.

Non è finita: l’area tenuta dai ribelli in cui è caduto l’aereo è piuttosto piccola circa 80 km di estensione e l’aereo l’avrebbe attraversato in meno di sei minuti.

Pare che il sistema antiaereo BUK abbia tempi di risposta ed attivazione dello stesso ordine di grandezza ma in realtà l’aereo a causa della quota e della velocità sarebbe stato tracciabile solo per pochissimi minuti e quindi il sistema doveva già essere attivo e pronto all’uso, insomma : in agguato.

Ma ora arriva il bello: Putin ha reso pubblici tutti i dati in suo possesso sia riguardo il traffico aereo sia riguardo alle foto dei satelliti spia che, ovviamente, in questo periodo stanno osservando intensivamente il territorio Ucraio.

Bene: risulta che  almeno 3-4 postazioni antiaeree ucraine basate su sistemi buk fossero schierate intorno a Donetsk. Tutti questi sistemi erano schierati, al momento dell’abbattimento a pochi chilometri di distanza dal sito dell’impatto, una addirittura a meno di 8 km. Dopo l’impatto tutte queste batterie sono state rischierate in zone assai più arretrate.

Non c’e’ bisogno di dire che questa è quasi una pistola fumante: Che ci facevano in zona di operazioni quelle batterie antiaeree quando è ben noto che i ribelli non hanno aerei od elicotteri?

Ancora: Come mai i dat,i anche essi certamente numerosi, a disposizione dell’intelligence USA NON sono stati pubblicati?

Un reporter USA, noto per aver indagato sullo scandalo “contras” la mette giù in modo semplice: “What I’ve been told by one source, who has provided accurate information on similar matters in the past, is that U.S. intelligence agencies do have detailed satellite images of the likely missile battery that launched the fateful missile, but the battery appears to have been under the control of Ukrainian government troops dressed in what look like Ukrainian uniforms.” 

Ovvero: l’Intelligence USA ha dati dettagliati che dimostrano che i missili sono partiti da batterie sotto il controllo del governo Ucraino.

Ma c’e’ di più: Qualcuno comincia a pensare che l’aereo sia stato abbattuto deliberatamente da un caccia Ucraino, un Su 25.

Complotismi folli? Può essere.

Resta il fatto, curioso, che MOLTO recentemente in tutte le principali lingue utilizzate dai frequentatori di wikipedia la quota di tangenza dell’aereo ucraino è stata abbassata da circa 10.000 metri a 7000. Un aereo che arriva solo a 7000 metri no avrebbe potuto intercettare un jet che volava a circa 10.000.  Per meglio dire: in QUASI tutte: si sono dimenticati il croato.

Dove la quota resta 10.000 metri ( alcune versioni possono volare anche più in alto).

Non so se davvero si è cercato un incidente, un casus belli per avere mano libera con i ribelli e/o scaricare la responsabilità di quanto succede sulla RUssia.

So solo che il cover up pare piuttosto probabile.

Se vi sembra che ci sia una notevole somiglianza, mutatis mutandis con Ustica, avete perfettamente ragione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *