La bolla del fracking? E’ il meno.

Derrick in controluce

Mezza pagina.

Solo mezza pagina su le Scienze ( per me è un poco una Novella 3000 scientifica ma mi rilassa).

Un articolo a firma, mi pare, Alex Saragosa e tre numeri, possono dare un Satori non indifferente, in una mattina qualunque.

Si tratta di questo: Secondo stime ragionevoli abbiamo 2800 miliardi di CO2 da emettere, circa 1000 miliardi di tonnellate equivalenti petrolio come riserve complessive di gas, petrolio e carbone, allo stato attuale di conoscenze e tecnologie.

Potrebbero essere di più, ma fermiamoci qui.

Sempre secondo una stima come un’altra ( postdam 2009, ma qui chiedo cifre di conferma ai climatologi) per stare al di SOTTO di due gradi centigradi di aumento di temperatura mondiale dovremmo bruciare AL MASSIMO poco più di 100 miliardi e spiccioli di tonnellate equivalenti petrolio.

Più o meno ( spannometro, vado per ordini di grandezzaed a memoria, soggetto a verifica nda ) circa 15 anni ai ritmi attuali.

Poniamo che una specie di governo mondiale di tipo assolutamente dispotico imponga di cessare di emettere alcunché entro 15 anni da oggi ( qualunque altro scenario difetta di capacità di comando ). Questo significa che 900 miliardi di tonnelate equivalenti petrolio resterebbero sottoterra, non bruciati.

Ora: provate DA SOLI a fare i conti su quanto valgono 900 miliardi di tonnelate equivalenti petrolio e rimarrete abbastanza a bocca aperta.

Se ci basassimo sul petrolio 900 miliardi di tonnellate diventano circa 7000 miliardi di barili. Se poniamo, prezzo medio, 100 dollari al barile sono.. 700.000 MILIARDI di dollari.

!!!!!???

Facciamo pure la tara: buona parte di questi barili equivalenti NON sono barili, giustappunto ma carbone e gas. Dividiamo per tre.

Si tratta sempre di 230 MILA miliardi di dollari.

Il PIL MONDIALE è di circa 75.000 miliardi di dollari, se non vado errato.

Ora: Le aziende investono MIGLIAIA di miliardi di dollari in ricerca, sfruttamento distribuzione etc etc etc.

E come fanno? Dove trovano i capitali?

Con i prestiti.

E COME garantiscono i prestiti?

Ma con il valore delle loro riserve, in PRIMISSIMO luogo.

Poniamo che abbiate un giacimento da un miliardo di barili, accertati.

Capite bene, che, ad un valore lordo e no irragionevole, di 100 miliardi di dollari, NESSUNA banca avrà grossi problemi a erogarvi 10 miliardi di prestito e probabilmente si sentirà a suo agio fino a 20 0 30 miliardi di prestito.

Moltiplicate la cosa per TUTTI i giacimenti noti e probabilmente avete una idea di quanto sia grande come ordine di grandezza, la bolla petrolifera. Poniamo si tratti di solo un 10 % del valore delle riserve conosciute. Si tratta di 2300 MILIARDI di dollari.

Capite bene che questo bubbone è li in attesa di essere inciso ed esplodere, in caso di contingentamento e forte rallentamento della domanda o dei prezzi o tutti e due.

Capite quindi quel è l’ordine di grandezza del problema economico da affrontare quando si parla di ridurre di due terzi nei prossimi decenni il consumo di energia primaria da fonti no rinnovabili e quali investimenti compensativi si dovrebbero mettere in ballo per evitare

Il giorno DOPO la firma di un eventuale STORICO ED IMPORBABILE trattato mondiale che sia davvero cogente e miri a rimanere confinati nei due gradi centigradi ci sarebbe un crollo economico ENORME e subitaneo.

un collasso epico e, soprattutto, violento.

Violento perché i conti necessari per arrivare a simulare cosa succede in caso di scenario firmato e vidimato dai maggiori paesi sono facili e verrebbero fatti rapidamente ed in automatico.

I numeri, come ordine di grandezza ve li ho mostrati io.

Ci sono mille complessità e precisazioni e distinguo ma l’ordine di grandezza è quello.

Il giorno dopo le borse.. KABUM.

Ecco forse, dopotutto usciremo dal petrolio non con un sospiro ma con un botto. Di quelli grossi…

Oppure, PROPRIO perché questo problemino è evidente, Non ne usciremo mai.

Chi ha il potere di decidere non deciderà e finiremo bolliti sperando che i climatologi stiano esagerando.

E poi saremo troppo indaffarati a sbudellarci reciprocamente per stare attenti ai climatologi

 

 

 

Pietro

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *