Arriva la bolla del petrolio?

Si Crisis riparte e non volete una bella Cassandrata di quelle pese pese?!! Beh, premesso che  basta guardarsi intorno per cominciare a scuotere la testa, percuotersi il petto e stracciarsi le vesti, vi servo subito con una cosuccia calda calda. Avete sentito parlare del fracking, vero? Si? No? Si però ero distratto? SICCOME siete su Crisis, mica bau bau micio micio, scommetto di si.  Saprete allora che fa un sacco di disastri, che la produzione di ogni singolo pozzo crolla in pochissimo tempo e dopo un paio di anni scende sotto il livello di economicità, costringendo a scavare nuovi pozzi a ritmo forsennato. Quel che forse non sapete è il livello INCREDIBILE degli investimenti necessari. Qualcosa rispetto ai quali la bolla dei subprime, il fiammifero nella polveriera che innescò la deflagrazione della bolla e lo scoppio della Crisis, è un nulla, un microbo, visto da lontano. A Novembre 2008, ovvero quando la bolla era pienamente scoppiata, si stimò che nel complesso valesse, con tutte le varie complesse interazioni circa 750 miliardi di dollari.  Le industrie del settore petrolifero investono , stanno investendo, oltre 900 miliardi di dollari all’anno. Negli USA gli investimenti nel settore petrolifero in effetti hanno superato il settore immobiliare, intorno ai 200 miliardi di dollari all’anno. Secondi solo all’altrettanto florida industria degli armamenti ferma, si fa per dire, a 640 miliardi negli USA. Una limitazione , ovviamente mortalmente necessaria, alle emissioni di CO2, al fine di contenere sotto i 2 gradi l’aumento di temperatura media mondiale ( comunque una mezza catastrofe) metterebbe a rischio  oltre 19 mila miliardi di dollari. Per essere esatti la IEA sostiene che, se volessimo limitare sotto il livello di 450 ppm la concentrazione di CO2, i due terzi delle riserve dichiarate ( E MESSE A BILANCIO) dalle grandi compagnie petrolifere diventano fittizie.  19 triliardi di dolari sono una cifra da Zio Paperone. Una cifra superiore al PIL USA. Ed ancora: Si stanno investendo oltre 1100 miliardi di dollari in progetti che richiedono un prezzo del barile superiore ai 95 dollari per essere redditizi. Non si tratta di cose astratte, capite bene. Questi ENORMI investimenti sono soggetti ad un sacco di rischi e di potenziali crack; naturali, ambientali, logistici, fisci, sistemici. in pratica sono più a rischio dei mutui subprime. Non solo: in caso di collasso analogo alla bolla dei subprime collasseranno gli investimenti proprio nel settore che mantiene il sistema in moto. una cosa è un crampo in una gamba. un’altra è un infarto…I dati sono presi da questo interessantissimo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *